Vista dall'alto

Itespresso

« agosto 2011 | Main | ottobre 2011 »

Ora Amazon deve fare sistema

Gli annunci dei nuovi e-reader e del tablet Kindle Fire di Amazon aprono scenari nuovi nel mercato dei tablet che, a detta degli analisti, è l'unico segmento IT consumer a crescere bene nei prossimi anni (anche in Italia). La mossa di Jeff Bezos è come una bella rimescolata a un mazzo di carte... Un po' truccato.

La nuvola di Amazon (tra le piattaforme migliori, anche dal punto di vista tecnologico) pullula di contenuti di ogni tipo: musica, video, libri, film... C'è tutto. Ma Amazon su un punto ha una marcia in meno sia di Microsoft, sia di Apple, sia di Google (ci permettiamo di lasciare WebOs e Blackberry per un attimo fuori scena). Non ha un sistema operativo trasversale per ogni tipologia di device, non dispone insomma di un ecosistema diffuso a livello mondiale, hardware e software, completo.

Kindle Fire si affida, almeno in parte, ad Android che è di Google. Smartphone non ce ne è, computer nemmeno. Ci sono le visioni geniali di Bezos, c'è quell'immenso e rigoglioso nuvolone che è l'Amazon Store, con servizi impeccabili (chi possiede un Kindle già lo sa), ma è una ricchezza non ancora per tutti, tanto che da noi il Kindle Fire al momento non arriva, e insieme a noi ci sono tanti altri Paesi che contano anche molto di più.

La scomessa di Amazon è ora estendere questo immenso emporio, multimediale e non, a livello globale, con contenuti globali, svincolandosi da eventuali limitazioni che potrebbe imporre chi fornisce il software. E' proprio quella dei contenuti e dell'infrastruttura cloud l'arma più micidiale in mano a Bezos, a patto di avere e tenersi in casa tutta la piattaforma software per poter fare quello che vuole, senza limitazioni. Insomma, il market è di Bezos, se gli consentiranno di tenerlo aperto, come vuole lui, su tutti i device.

Mario De Ascentiis

Inserito il 29 di settembre 2011 in Windows Phone
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità

Windows Phone 7.5 Mango, sistema sicuro

Abbiamo assistito alla presentazione del nuovo software McAfee All Access 2012. Un software di cui ci è piaciuto soprattutto l'approccio di licensing: un utente può installare la sua licenza su tutti i suoi dispositivi, senza tante storie. Che è un concetto così semplice ed efficace che non si capisce perché non sia adottato dal mondo intero. Durante la presentazione però ci hanno stupito le parole di Mark Vos, senior manager global product reviews per McAfee, che spiegava come mai mancasse la versione per Windows Phone“Non manchiamo di attenzione per Windows Phone, ma al momento la quota di installato non giustifica la necessità di includere questa piattaforma tra quelle protette da All Access 2012, vedremo più avanti e poi di sicuro con Windows 8″.

In pratica vale ancora la legge per cui se una piattaforma non è diffusa che senso ha approntare software di protezione, considerato che l'interesse a scrivere codice malevolo è limitato? E quindi una buona notizia per Microsoft... Almeno per i primi tempi Windows Phone 7.5 Mango sarà un sistema sicuro.

Windows Phone non ci ha per nulla conquistato, non fino ad ora. Però bisogna ammettere che il lavoro sulle apps è stato notevole, davvero notevole. Chi volesse dare un'occhiata si accorge che tante applicazioni di servizio ci sono, funzionano bene. Qualcuna è una vera chicca, come Rai.Tv o TuneIn Radio. Grande assente è ancora Google: sotto il brand Google Inc. al momento c'è solo Google Search.

Mario De Ascentiis

Inserito il 28 di settembre 2011 in Windows Phone
Permalink | Commenti (7) | TrackBack
Tag Technorati: , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Metro sul pc? No grazie

Sono convinto che se a un utente in azienda si chiedesse: "Sente il bisogno di un'interfaccia tutta a pulsantoni da usare con il suo desktop (o il notebook) senza poterli premere con le dita? Le piacerebbe comunque averla?", ecco che a queste due domande l'utente risponderebbe con due bei NO. Proporre l'interfaccia già realizzata, e poi riformulare la medesima domanda, ha un altro effetto. E probabilmente arrivano altre risposte.

Nel mondo IT per far aprire il portafoglio alle persone ci si inventa un po' di tutto, qualche volta i vendor arrivano a dire che "è il mercato che ce lo chiede". Sta accadendo per i dispositivi 3D (di cui nessuno ha bisogno, se realizzati con le tecnologie che vediamo ora in giro), e per qualche device frettolosamente commercializzato che resta sugli scaffali a prendere polvere.

Il caso Metro mi invita a un'analisi leggermente diversa. Metro non ha motivo di esistere su desktop e notebook, come li abbiamo immaginati fino ad ora, e quindi non mi verrebbe mai in mente di fare un update a Windows 8 del mio notebook, per avere i quadrettoni stile Bauhaus e quattro servizi in più, ma sui tablet e suoi touchscreen Metro ha senso eccome. A guardare le previsioni di mercato poco male quindi; secondo alcuni analisti, infatti, è scontato che dekstop e notebook, come li abbiamo intesi fino ad oggi, siano prossimi al pensionamento eterno. Resterebbero fuori dal gioco di Windows 8 i pc venduti in circolazione, senza touchscreen.

Microsoft potrebbe giocarsi la fetta di fatturato che generalmente arriva dagli update delle vecchie versioni (ma è una fetta significativa, rispetto a quanto si lascia sul terreno perdendo il treno touch?), però avrebbe un sistema efficace in un mondo che vive di touchscreen. E allora io dico, datemi Windows 8, ma lasciatemi scegliere se usare la macchina - tutta - con o senza Metro. Allora forse sì, potrei aver voglia di aggiornare anche il vecchio pc, e magari la voglia verrebbe anche a qualche responsabile EDP in più. 

 

Inserito il 23 di settembre 2011 in Windows 8
Permalink | Commenti (4) | TrackBack
Tag Technorati: ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Windows 8, Metro e la Bauhaus

L'interfaccia di Metro in Windows 8 con il suo rigore, che richiama così evidentemente quello di Windows Phone, vanta l'ispirazione alla scuola di architettura tedesca di inizio secolo scorso, la Bauhaus. Il 'Metro Style' risente inoltre delle influenze del design svizzero per quanto riguarda la scelta dei caratteri e delle icone. Scuole, quella tipografica svizzera e la Bauhaus votate entrambe alla funzionalità.

E' questo in sintesi il messaggio di Sam Moreau, un designer di Windows 8 che in uno dei seminari Build spiega agli sviluppatori le linee guida cui ispirarsi per creare le nuove App, il rigore delle griglie di Metro, i vantaggi di questa pulizia formale. Che l'interfaccia Metro Style sia funzionale sui dispositivi mobile (tablet) è fuori di dubbio, che sia l'interfaccia ideale invece anche per il desktop e i notebook, è tutto da vedere. Sarà questione di abitudine, ma quando si lavora su un vero pc viene una gran voglia di richiamare l'App del vecchio Dekstop.

Riguardo l'ispirazione di Metro alla Bauhaus e alla scuola tipografica svizzera, il paragone proposto ci sembra giustificato, ma fin troppo ardito. Perché il font di Metro secondo me non ha la stessa efficacia di quelli scelti per le indicazioni nei luoghi pubblici e i Tiles, con gli aggiornamenti in tempo reale, alla fine 'sporcano' quello stesso rigore cui si ispirano.

Mario De Ascentiis

 

Inserito il 19 di settembre 2011 in Windows 8, Windows Phone
Permalink | Commenti (3) | TrackBack
Tag Technorati: , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Windows 8, il boot in 8 secondi

Sui dekstop meno, ma sui notebook poco alla volta le persone hanno imparato a non spegnere il computer e a utilizzare le funzioni Sleep e Hibernate. Sta di fatto che a seconda dei casi circa una persona su due spegne il computer e basta. Vuole essere certa di non consumare energia e di avere un PC ri-avviato senza le magagne di quando lo si è chiuso.

In realtà la funzione Hibernate non consuma in pratica energia (lo stesso non si può dire di Sleep), ma questo pochi lo sanno, è vero però che sia Sleep che Hibernate non sono sempre privi di sorprese per gli utenti che non si ricordano cosa hanno fatto in chiusura. Essi non avendo una pronta risposta iniziano a premere tasti ovunque perché il pc si riavvia troppo lentamente... E' questo il punto, ed è uno degli aspetti su cui Steven Sinofsky sta lavorando.

Più di mille parole vale dare un'occhiata a questo video... La prima schermata della nuova interfaccia di Windows 8 compare dopo circa 8/9 secondi.

Mario De Ascentiis

 

Inserito il 10 di settembre 2011 in Windows 8
Permalink | Commenti (1) | TrackBack
Tag Technorati: , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Le App di Windows Phone girano su Windows 8

"Si scrivono per Windows Phone e girano sia sugli smartphone, sia sul sistema operativo per i desktop Windows 8". E' questa un'altra novità che si è lasciato sfuggire il CEO di Nvidia con un giornalista di Cnet riguardo le applicazioni sviluppate per Windows Phone 7 con Silverlight. Grazie alla piattaforma di sviluppo Jupiter, con l'interfaccia di Windows 8 si potrebbero così visualizzare le App che girano in ambiente mobile. Tutto più facile, considerato che Windows 8 si apre ad Arm. Tutto leggermente più complicato dal punto di vista delle strategie per Intel, che deve muoversi con decisione in qualche direzione che non sembra più essere quella di MeeGo.

Potremmo anche assistere ad evoluzioni significative dello scenario attuale: l'interoperabilità tra tutti i device è un verbo che predichiamo da tempo, e scrivere un'applicazione una volta per tutte e portarla con il minimo sforzo dove si vuole, è di certo un vantaggio per chi sviluppa e chi vende le applicazioni e anche per chi cerca supporto. Resta fondamentale però il tassello di un ambiente confortevole, veloce, con un'interazione impeccabile.

E questo di ritrovare il proprio ambiente ovunque in fondo era uno dei punti di forza di quella strada abbandonata oramai da tempo rappresentata dalle prime versioni di Windows Mobile, quando Hp faceva i palmari solo per gli OS di Microsoft e Microsoft aveva una quota di mercato negli smartphone (che contavano poco o nulla) che si leccherebbe i baffi ora a ri-raggiungerla. Sembra un'altra era... Erano 3/4 anni fa.

Mario De Ascentiis

Inserito il 8 di settembre 2011 in Windows 8, Windows Mobile, Windows Phone
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Windows 8 con il Ribbon

Pochi giorni fa abbiamo sollevato tutte le nostre perplessità del caso su Metro. Anche la scelta di un Ribbon per Windows Explorer è stata oggetto di un ampio dibattito. E invece, nell'alveo di ciò che deve fare un buon OS, a mio avviso non è per nulla una cattiva idea.

Avere a disposizione gli strumenti di un Ribbon (disposti in orizzontale e/o verticale) che possano evidenziare tutto quello che si può fare nel maneggiare file e cartelle, magari con la spiegazione o la visualizzazione di cosa si sta per fare può essere un buon vantaggio rispetto a Windows 7.

Anzi, sarebbe in qualche caso una possibilità intelligente di sfruttare Aero, più che con visualizzazioni tridimensionali che concedono fin troppo all'effetto, ma poco alla funzionalità. Tutto da vedere l'effetto di questo Windows 8 sui tablet. Si vedrà alla Build Conference in Anaheim tra pochi giorni, Microsoft dovrebbe precaricarlo sui tablet per lavorarci con i suoi sviluppatori.

Mario De Ascentiis

 

Inserito il 7 di settembre 2011 in Windows 8
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Windows 8 cambia faccia con Metro

Steven Sinofsky, Windows Chief e Senior Vice President di Microsoftconferma i rumors della rete: "Sì, Windows 8 può cambiare volto semplicemente con una App, Metro, ma il 'Metro Style' è molto più di una semplice evoluzione del design".

E' questa la ricetta scelta da Microsoft per affrontare il futuro e declinare 'umanamente' il proprio sistema operativo anche sui tablet. In pratica si potrà avviare Windows 8 con l'interfaccia a quadrettoni che richiama quella di Windows Phone, senza dover caricare codice che non serve. Solo se l'utente avrà bisogno dell'interfaccia tradizionale, si caricherà anche tutto il resto, con un sistema simile a quello che si usa già.

Metro è in pratica la modalità di visualizzazione che viene già utilizzata sugli smartphone Windows. Più che una scelta Microsoft si è trovata quasi su un percorso obbligato. Windows Phone non si può certo rifare ORA, e quindi si deve adeguare il sistema operativo, per poterlo 'calare' nella realtà degli schermi touch e di diagonali diverse. Sinfosky precisa però che si è cominciato a pensare a Windows 8 ben prima anche del lancio di Windows 7 (nell'estate del 2009).

Sulle prime versioni (le varie Build e forse anche le prime Beta) non ci sarà Media Center, che invece arriverà nelle versioni definitive. 

Windows 8 sembra figlio dei compromessi, una scelta per 'bilanciare i carichi', per rendere utilizzabile il buon Windows 7 anche su quei device e con quei chip su cui finora non è stato apprezzato o con cui proprio non poteva funzionare; il tipico sistema operativo che ci si ritrova in una certa fase del mercato e che si pensa faccia da sponda al 'completamente nuovo' che arriverà. Non vediamo l'ora di essere smentiti e il primo a farlo è proprio Sinfosky, che definisce questa via una via 'no compromise'

Mario De Ascentiis

Inserito il 5 di settembre 2011 in Windows 8
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Ho trovato il nuovo Windows Phone 7.5 in un bar...

Htc annuncia i nuovi smartphone Titan e Radar e li mostra con Windows Phone 7.5, appena pochi giorni dopo il passaggio del testimone in Apple da Steve Jobs a Tim Cook. Sono avvenimenti che sembrano non avere nulla in comune, eppure... La verità è che tutti aspettano iPhone 5, e anche smartphone di qualità indiscussa non catturano più di tanto la luce dei riflettori. Rispunta persino la storia di iPhone 5 dimenticato al bar che tiene banco più di tanti annunci, perché filtra dal rumore diffuso di una pletora di modelli presentati proprio in questi giorni di IFA 2011.

E che noia!!!! Siamo noi i primi a tenervi aggiornati su tutti i rumors sull'iPhone - è vero - ma non vedo l'ora di capire se ci sarà mai il posto per un competitor, con gli attributi, che sostenga bene la sfida tra iOS e Android. Certo, parliamo di Windows Phone. Perché WebOS è defunto (anche se restasse vivo pensate a quanta strada da recuperare avrebbe), Blackberry fa registrare un incommensurabile ritardo (accumulato nel corso di questo 2011 con annunci al lumicino, e uno solo importante per il tablet). Gli altri OS saranno comprimari.

Lo scenario potrebbe essere anche questo descritto con Windows Phone terzo protagonista del mercato, eppure... Avete mai sentito correre di bocca in bocca la notizia di un nuovo Windows Phone dimenticato in un bar? Non sarebbe una notizia. E anche per Android varrebbe la stessa cosa. Anche se Android cresce ben più velocemente di iOS e Windows Phone.

Non c'è nulla da fare, iPhone tiene banco perché hardware e software sono una cosa sola, tutto è semplice e funziona senza rompicapi, ci sono tre modelli di smartphone in croce; se si rompe qualcosa poche sono le operazioni da compiere che tutti conoscono, e se anche quelle non danno risultati, ci si mette il cuore in pace e si va all'assistenza, dove te ne danno uno rigenerato (che sei anche contento che finisca così, perché magari avevi l'assicurazione, e in quello che ti danno non ci sono sfrisi e graffi).

Alzi la mano chi pensa che usare Windows Phone sia una vera "esperienza".

Mario De Ascentiis

Inserito il 1 di settembre 2011 in Windows Phone
Permalink | Commenti (5) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post