Vista dall'alto

Itespresso

« Windows 8 server, la rincorsa su Vmware  | Home | Suse e Microsoft, patti chiari e amicizia lunga » 

Tulalip appare e poi scompare

Ha avuto vita davvero breve la pubblicazione in Rete della prima bozza di social network secondo Microsoft. Il nome con cui passerà alla storia questo 'brivido' di mezza estate è Tulalip. Tra chi sostiene che fossero prove tecniche (ma reali) di trasmissione e chi invece difende l'idea che quanto è andato "in onda" fosse nulla di più di un semplice esperimento, fatto sta che l'attenzione è stata catalizzata per alcune ore dal social network in salsa Microsoft. E già questo è un segnale per Microsoft.

In realtà, dal nostro umile scranno, registriamo tra gli umori della Rete che la gente non ha uno spazio cognitivo e di attenzione infinito per i social network. Su quanti si riesce a essere presenti? Uno? Due? Tre? Quattro? Forse, non di più. Per questo Google+ ha già fatto storcere il naso a qualcuno, ora si aggiungerebbe Tulalip e poi ci sono - immancabili - Twitter e Facebook che godono già della presenza di default su tutte le piattaforme mobile.

Ce ne è già a sufficienza perché i giganti si accontentino: secondo noi il concetto passa. E chi non ce l'ha, il social network se lo compra.

Mario De Ascentiis

Inserito il 18 di luglio 2011 in Windows Live
Permalink
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità

TrackBack

Permalink
http://www.typepad.com/services/trackback/6a00d83451b2c469e2015433cf763a970c

Lista dei blog che mi linkano "Tulalip appare e poi scompare":

Commenti

L'innovazione non si fermerà mai, facebook non sarà per sempre. E' giusto che Google e Microsoft sperimentino vie alternative anche perchè a me facebook proprio non piace e anche a molte altre persone...

Inserito da Paolo il 21 di luglio 2011, 03:08

Mi ricordo quando scoprii di avere un account su Linkedin che non avevo mai fatto (una pratica commerciale vistosamente scorretta da parte loro, ma comunque efficace). Poi la gente cominciò a invitarmi su Plaxo e Myspace (prima che fosse acquisita). Dopo è stato Facebook a fare la parte del leone. Chi ha tempo e voglia di riaccreditare uno a uno gli amici su un altro social? Ci vorrebbe una legge per condividere le reti social. Poi ognuno resta libero di scegliere l'interfaccia che preferisce. E' fantascienza?

Inserito da Peter il 25 di luglio 2011, 09:25