Vista dall'alto

Itespresso

« Microsoft e i Lillipuziani  | Home | Aduc e la class-action per Windows, Microsoft che c'entra? » 

I maledetti 64 bit di Windows 7, un problema da NAS

Mi metto nei panni di un utente qualunque che tutto fiducioso è passato da Windows a 32 bit alla versione a 64 bit. Ha seguito le promesse del marketing, i consigli dei commessi nei negozi e, ahimè, anche quelli della stampa. Sì, in linea teorica Windows 7 a 64 bit è meglio. Poi però scopri che: di Internet Explorer ne installi due versioni, perché non puoi comunque fare a meno di quella a 32 bit (non avresti Flash), i tre quarti dei programmi li userai a 32 bit (a 64 bit nessuno li ha scritti) e, ciliegina sulla torta, dall'hardware che avevi puoi aspettarti solo brutte sorprese. In cima alla lista di queste ci sono anche i NAS (Network Attached Storage).

Le comode e sempre più diffuse unità per lo storage in rete. Potresti pensare che sono gli ultimi apparecchi a dover dare dei problemi e invece... Provate a navigare per i forum, anche quelli dei vendor. C'è chi non riesce a vederlo in rete, e chi lo vede accedendo all'interfaccia Web di controllo, ma non lo può utilizzare perché il NAS non viene riconosciuto come unità di rete da Windows 7 a 64 bit, e poi c'è chi lo utilizza, ma non come potrebbe fare a 32 bit, e infine chi (pochi) lo riescono a usare ma dopo aver disabilitato la crittografia a 128 bit, tipica di Windows 7 a 64 bit, riducendosi a quella di cui disponeva con Win a 32 bit. E comunque anche così non tutti riescono a risolvere.

Alla fine tutti i commenti si chiudono con la considerazione che con Windows a 32 bit funziona tutto, ma a 64 bit sono dolori di vario tipo. 

Lo conferma anche l'assistenza di Western Digital cui abbiamo scritto riguardo a MyBook World Edition (Blue Rings) 1 Terabyte di capacità e il firmware aggiornato al 9 di gennaio del 2011, quindi un NAS ancora pienamente supportato. Prima ci siamo letti pagine e pagine di forum online, poi disperati abbiamo scritto, e ci hanno risposto che, semplicemente, il nostro NAS può non funzionare correttamente  con Windows 7 Ultimate a 64 bit e che d'altra parte abbiamo poco da pretendere perché Windows 7 (anche a 32 bit) non è tra gli OS supportati come da documentazione all'atto della vendita [figuriamoci se l'assistenza va a fondo e spiega perché e per come]. E ti credo! Quando hanno messo in commercio il NAS, Windows 7 non esisteva ancora. Altri interventi in rete confermano che tra vendor (non solo WD) e Microsoft è tutto un rimpallarsi di giustificazioni: devono pensarci gli altri, quelli di Redmond, noi non c'entriamo. Intanto tra le pagine Microsoft che fanno riferimento all'hardware che funziona con Windows 7, c'è un bel segno di spunta verde sul supporto completo del WD MyBook World Edition (nella versione successiva), sia a 32 che a 64 bit. Uno potrebbe anche rassegnarsi a cambiare NAS (dopo appena 5 anni di vita) e prendere quello più recente, ma poi va sul forum e i problemi ci sono anche con il nuovo modello... Allora, a che gioco giochiamo??? 

Inserito il 19 di gennaio 2011 in Windows 7
Permalink
Tag Technorati: , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità

TrackBack

Permalink
http://www.typepad.com/services/trackback/6a00d83451b2c469e20147e1bbdf1f970b

Lista dei blog che mi linkano "I maledetti 64 bit di Windows 7, un problema da NAS ":

Commenti

Dopo "appena" 5 anni di vita? Alla velocità con cui si evolve il mercato, pretendere supporto per una periferica con oltre 3 anni è da egocentrici. Ho uno scanner seriale del 2002, 8 anni di vita, dovrei puntare i piedi con MS o con il produttore perchè non viene riconosciuto da Win7?

Inserito da Antonio il 20 di gennaio 2011, 11:30

rispondo ad Antonio: SI CERTAMENTE SI
chi arriva dopo ( windows 7 ) deve cercare di fornire la compatibilità con le versioni precedenti, ovvio che qui il problema non è la versione del s.o. ma la compilazione a 64 bit, ma è una storia già vista dai 16 ai 32 bit, si buttano fuor mercato vecchie periferiche perfettamente compatibili, ho il sospetto che questo sia UNO SCOPO e non una onseguenza....

Inserito da Irene Nittuzi il 20 di gennaio 2011, 12:11

Tanto la situazione economica metterà presto fine a questa simpatica corsa all'acquisto/sostituzione/upgrade.
Vorrei sapere chi cambierebbe la macchina per l'accendisigari migliore....

Inserito da Franco il 20 di gennaio 2011, 12:42

Ma perchè non usate UBUNTU ?
Sembra che siete obbligati ad usare Windows.
Io uso Windows 7 home premium 64 bit
8 gbyte ram. E' perfetto.
Prego tornare dal viaggio nell'iperUranio...

Inserito da paolo il 20 di gennaio 2011, 01:32

5 anni di vita saranno tanti per uno smartphone, ma per un NAS non lo sono proprio. Concordo con Antonio.

Inserito da Yoshua68 il 20 di gennaio 2011, 02:51

Si è obbligati ad usare windows, specie per lavoro: io sono costretto ad usarlo perchè i programmi che uso non esistono sotto altri sistemi operativi

Inserito da aRTURO il 30 di agosto 2011, 03:48


Antonio, meriteresti di fare una settimana di vacanza nel Pacific Trash Vortex...
I consumatori che si divertono a pigliarlo in quel posto dai produttori sono di un'idiozia intollerabile, è come se dicessero: "Viva l'obsolescenza programmata! Io sono ricco e mi posso permettere di cambiare tutte le periferiche del PC ogni due anni, così sono più belle e alla moda...". Ma vai a buttarti da una rupe, cordialmente.
Al mondo c'è sempre meno spazio (per fortuna) per il consumismo usa e getta e gli ignoranti preistorici come te.

Inserito da Giovanni il 24 di febbraio 2012, 07:04