Vista dall'alto

Itespresso

« aprile 2010 | Main | giugno 2010 »

I tablet con Windows, un silenzio assordante

Apple con iPad, Acer, Dell con Streak... E l'assenza completa, assordante, di proposte con un sistema operativo Microsoft. E' impressionante l'attesa per Windows Phone 7, ma niente rispetto al silenzio assordante di una proposta equivalente, declinabile sui tablet. Un altro treno che passa sotto le finestre dei palazzi di Redmond, senza che nessuno metta il naso fuori. Dopo la debacle dei progetti di Hp Slate con Windows 7 non so se c'è ancora tempo per capire che Windows non è un sistema operativo per il nuovo form factor, Gartner - è vero - proietta le possibilità di successo su ampia scala oltre il 2011, poco cambia. Io penso che né Windows 7, né Windows Phone 7 siano adeguati a tenere il passo (per quel che si è potuto vedere fino ad ora)... Qualcuno mi smentirà...

Leggi anche Blog Café: Acer e Dell rincorrono l'iPad

Mario De Ascentiis

Inserito il 27 di maggio 2010 in Windows Mobile
Permalink | Commenti (2) | TrackBack

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità

Office 2010, le Web Apps e SharePoint

Il 15 di giugno Office Web Apps per tutti, gratis ovviamente, le aziende faranno molto meglio a investire qualche euro in più e a rivitalizzare l'ufficio con SharePoint 2010 che dopo anni di sonno (quasi il dimenticatoio) torna in primo piano. Secondo Microsoft è vantaggioso rendere disponibili le Web Apps tramite SharePoint, perché si guadagna una serie di possibilità importanti per il business, anche in termini di controllo e gestione: solo per dirne una in questo modo si può sfruttare anche Active Directory, e si evitano inoltre un paio di guai di compatibilità, se si utilizza Office 2003. Gli utenti consumer useranno le Web Apps con il proprio Live ID, dal portale Microsoft con Windows Live SkyDrive come repository e non avranno nemmeno bisogno di avere Office 2010 installato sul Pc. Per tutti la possibilità di editare lo stesso documento contemporaneamente; per il momento sembra che la caratteristica funzioni solo su due delle quattro applicazioni (Word ed Excel - le altre sono PowerPoint e OneNote). E' - appunto - work in progress...

Mario De Ascentiis

Inserito il 17 di maggio 2010 in Windows 7
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Microsoft ha bisogno di un booklet

"Venghino, signori venghino"... Apple apre la raccolta degli ordini in Italia (10 maggio) e arrivano anche i piani tariffari degli operatori mobili, che attiveranno le offerte sulle micro-sim degli iPad dal 28 di maggio. Intanto c'è Microsoft che rinuncia a Courier e accenna a una strategia che è tutto tranne che chiara... Che brutto segnale. Perché sembra davvero una resa, ma non di quelle per pensare a un rilancio alla grande, semplicemente una resa, mentre tutti gli analisti concordano che la portabilità abbinata a Internet potrebbe essere un Eldorado. E' vero, Microsoft in primis fa software, ma dove sono gli OEM? C'è qualche partner in grado di contrastare il milione di iPad che hanno già fatto cassa? E' possibile che nessuno dei primi cinque vendor di notebook/netbook abbia pronto qualcosa di comparabile? E' tempo ancora di pennini? Apple sta comunque aprendo un mercato nuovo, come seppe fare Asus con i netbook. Davanti a un booklet come si deve, Microsoft avrebbe pronto un software come si deve? Questo è il punto. No! Non sarebbe adeguata una declinazione di Windows 7, che è touch, ma troppo Pc e Windows Phone resta un'incognita, con un modello di distribuzione di applicazioni ancora da rendere credibile.
Intanto qualcosa si muove, Ibs inizia a vendere anche eBook, e stringe accordi con gli editori. Se iPad andrà forte anche da noi, chi ci sarà pronto a cogliere l'opportunità?

Mario De Ascentiis

Inserito il 10 di maggio 2010 in Windows Mobile
Permalink | Commenti (2) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Il declino di Internet Explorer e quegli sporchi 64 bit

C'è un ciclo di vita nei browser di successo, e quelli buoni destinati a conquistare il mercato si vedono subito. Ce ne sono tanti ottimi (basti pensare a Opera), che faticano a rosicare quote per anni, e alla fine non raggiungono mai la vetta. Internet Explorer ne ha passate tante e ora sembra aver scollinato e incamminarsi lentamente (nemmeno troppo) al declino. Secondo alcuni analisti la quota di mercato si aggira ora intorno al 60%, per quanto il secondo (Firefox con il 24,59%) sia ancora ben distanziato. La versione successiva IE9 promette sfracelli con Html 5, ma nulla va dato per scontato. Senza tenere in considerazione poi che delle decine di caratteristiche interattive della versione attuale solo alcune hanno realmente incontrato il gusto dei navigatori.

I motivi di IE che perde quote sono tanti e diversi (certo, anche il ballot screen). Tra questi ne metto in luce uno tanto piccolo, quanto fastidioso, che si riflette anche sul neonato Office: a me viene a noia che da un lato si punti sui 64 bit e dall'altro si lasci l'utente in braghe di tela se lo adotta. Chi usa Windows 7 e IE a 64 bit scopre presto a quali limitazioni va incontro. E ora ci si è messo anche Office 2010. Per carità, tutto comprensibile, perché non si può pretendere che add-in e ActiveX nati per funzionare a 32 bit siano perfetti anche a 64 bit e quindi è naturale mettere in guardia gli amministratori dall'adozione della piattaforma Office 2010 a 64 bit in ambienti misti, ma l'osservazione arriva ugualmente... Quanti anni ancora ci vorranno per lavorare in pace e bene ovunque, anche a 64 bit?

Mario De Ascentiis

Inserito il 5 di maggio 2010 in Windows 7, Windows Vista
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post