Vista dall'alto

Itespresso

« novembre 2009 | Main | gennaio 2010 »

Office 2010, una sandbox per i file sospetti

Si chiama Office File Validation e serve a verificare se un file con le estensioni di Word, PowerPoint e Excel è un documento valido. La verifica viene effettuata in una sorta di sandbox, con accesso limitato alle risorse di sistema, in modo da limitare i danni nel caso il file non sia affidabile. In realtà una caratteristica simile c'era già nella versione di Office 2007, ma riguardava solo i file di Publisher, quelli con estensione Pub. Chiaramente questa soluzione, che fa parte del 'pacchetto' MOICE (Microsoft Office Isolated Conversion Environment), non supplisce assolutamente al lavoro di scansione dei software anti-malware, ma rappresenta solo uno strato in più di sicurezza.
Mario De Ascentiis

Inserito il 21 di dicembre 2009 in Windows 7
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità

Come si usano le Raccolte in Windows 7

Una delle configurazioni più classiche scelte da chi utilizza il PC, e conosce bene quanto può essere rischioso perdere i dati, è quella che prevede l'utilizzo di un disco 'C:' molto veloce (e magari anche più piccolo del disco D:) e il salvataggio di tutti i dati su 'D:' (magari più economico, ma anche più capiente).
L'utente sa di poter indirizzare automaticamente il salvataggio di Documenti, Foto, Musica e Video direttamente in una directory del disco D: (attenzione a non sbagliare, perché Video e Foto e Musica non sono più nella cartella - libreria - Documenti, come in Windows Xp), ma forse non sa che questa procedura può essere comodamente sostituita da una soluzione più comoda con Windows 7. In pratica si può assegnare una cartella (anche su un altro disco), a una specifica Raccolta (Documenti, Foto, Video e Musica) e impostare il sistema in modo che tutti i nuovi file siano salvati nel disco e nella direcotry giusti, appena collegati alla Raccolta (il disco D: nel nostro caso). Praticamente in una raccolta saranno comprese diverse directory, rimanendo una sola quella in cui il sistema salva i nuovi file.
Mario De Ascentiis

Inserito il 14 di dicembre 2009 in Windows 7
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Ballot screen, quanto tempo perso

Tempo fa, parlando del Ballot Screen per la scelta del browser da installare sul computer, avevamo sottolineato come, in fondo, si trattasse di una questione di 'lana caprina'. A pensare che da allora (agosto 2009) a oggi il Ballot Screen ancora non è definitivo, Windows 7 è andato tranquillamente nei negozi con il suo Internet Explorer, e così sarà fino al 2010, qualche riflessione sarà pure necessaria.
Ha senso che si sia perso tanto tempo per una questione così assurda? Come se il monopolio di Microsoft davvero passasse per IE 8 preinstallato, come se quello fosse il problema. Credo che sia palese anche ai bambini che il problema non sia tanto IE8 preinstallato, ma si stia giocando una partita per i servizi Web di proporzioni ben più ampie, per la quale se proprio si deve aver paura di qualcosa o qualcuno, questo è Google. Apple preinstalla il suo Safari, Linux viaggia con Firefox a bordo, Microsoft e Windows 7 con il suo IE8. Poi sono le quote di mercato dei sistemi operativi a fare il resto. Nessuno vuole nascondere la verità dietro un dito, ed è palese che sul desktop Microsoft goda del monopolio assoluto, ma non è forse più pericolosa la situazione dei motori di ricerca, per cui finisce con l'esistere solo quello che si trova su Google e il resto è destinato all'oblio?

Mario De Ascentiis

Inserito il 9 di dicembre 2009 in Windows 7
Permalink | Commenti (1) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Schermate nere e Windows 7 a gonfie vele

Che figuraccia in PrevX. La schermata nera di Windows (che qualche allarme a Redmond l'ha suscitato davvero) non dipendeva affatto da un aggiornamento uscito da casa Microsoft, ma da un semplice malware. Dopo le dichiarazioni del portavoce Christopher Budd, si devono essere messi di buona lena in PrevX a cercare altre cause, perché la schermata nera in effetti esisteva, e il loro tool per eliminarla sembra funzioni davvero. Continua intanto la festa per Windows 7, quindi, che secondo Net Applications fa perdere market share persino a Apple Mac OS X che passa da una quota di mercato del 5,27 percento al 5,12...E sembra proprio che ad avvantaggiarsene sia il nuovo sistema operativo Microsoft e... persino Linux
Mario De Ascentiis

Inserito il 3 di dicembre 2009 in Windows 7
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post