Vista dall'alto

Itespresso

« febbraio 2008 | Main | aprile 2008 »

Vista resiste agli hacker più di MacOs X Leopard

Chi ha partecipato alla CanSecWet Security Conference di Vancouver ha potuto assistere alla sfida Pwn2Own tra gli hacker che avevano il compito di sferrare attacchi senza pietà per far cadere Leopard, Vista e Ubuntu Linux 7.10 caricati rispettivamente su tre laptop: un MacBook Air, un Fujitsu U810 e  un  Sony Vaio VGN-TZ37CN, tutti con il software aggiornato alla versione più recente.  Risultato a sorpresa, ma non troppo. Il primo giorno hanno resistito tutti, Leopard è stato violato il secondo giorno, per una vulnerabilità di Safari. Vista è caduto solo negli ultimi minuti del terzo giorno di sfida per un "buco" di Adobe Flash. Ha vinto Ubuntu 7.10. Fa riflettere il fatto che tutti i sistemi operativi si siano rivelati più che robusti e gli hacker abbiano sfruttato il software installato. Una cosa è certa, IE 7 su Vista ha fatto una figura migliore di Safari su Mac...

Mario De Ascentiis

Inserito il 30 di marzo 2008 in Windows Vista
Permalink | Commenti (1) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Pubblicità

Albany, arrivano le software compilation

Voci, rumor, ipotesi... La Rete vive anche di questo, come se fosse un gigantesco tamtam. E l'ultimo colpo battuto da Microsoft è quello di Albany. La prima voce è stata quella di Mary Jo Foley che ha raccolto le confidenze di alcuni beta tester (ma non credo che tra questi ci sia anche qualche italiano) invitati a offrire il proprio contributo su un bundle di tre prodotti già esistenti: Live OneCare, Office Live WorkSpace e Office Home and Student Edition. Potrebbe trattarsi quindi di una "prova generale" (sull'installer?) prima di mettere in commercio un valuebox. Se così fosse la proposta riguarderebbe solo il mercato americano, almeno inizialmente. Che Microsoft si stesse dando da fare per contrastare Google Docs non è una novità. Nuova sarebbe invece l'idea di pacchettizzare più prodotti, in qualche modo integrati, da offrire in modalità hosted. Di un altro "bundle" originale c'è anche traccia sul mercato retail giapponese, con una confezione tutta rosa di Windows Vista venduto con Live OneCare. E' un'altra storia ma... che anche Microsoft stia scoprendo le software compilation?

Mario De Ascentiis

Inserito il 27 di marzo 2008 in Windows Xp
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Vista SP1, il supporto è gratuito

E' iniziato tutto con i post di Brandon LeBlanc sul blog ufficiale di Vista, ma la notizia era inevitabilmente destinata ad essere ripresa : il supporto per Windows Vista SP1 è gratuito fino al 18 Marzo 2009, indipendentemente dalla lingua del Service Pack. Da questa pagina Web ( in Italiano) si può attivare la procedura guidata per usufruirne, sia che si scelga la richiesta di aiuto via e-mail o telefonica (in inglese per gli Stati Uniti gli utenti possono anche sfruttare un servizio via chat), il numero telefonico, però, è riservato solo a chi gode di una licenza frutto di particolari accordi di seguito riportati:

- Software Assurance Agreement
- Professional Contract
- Sottoscrizione TechNet
- Abbonamento MSDN
- Microsoft Partner Program (MSPP)

Il supporto gratuito riguarda i problemi di compatibilità e installazione, non è quindi omnicomprensivo, ma chiaramente lo sforzo di Microsoft per rendere semplice e facile la "digestione" del SP è notevole, tanto che potrà usufruirne anche chi non ha una licenza retail, ma solo quella valida per la macchina su cui è installato il sistema operativo.

Mario De Ascentiis

Inserito il 25 di marzo 2008 in Windows Vista
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Windows 7 sarà... a pezzi

Non molto tempo fa, in questo blog, avevo espresso il desiderio che Windows fosse sviluppato e pensato sulle orme di Windows Server 2008. Sembra che qualcosa si muova, proprio in questo senso. Mary Jo Foley parla di questo nel suo blog. Per quanto si tratti di voci di corridoio, quindi non confermate da nessun comunicato ufficiale, Windows 7 potrebbe diventare il primo sistema operativo Microsoft che consente  agli utenti finali di installare un "core" minimo e scegliere poi i servizi supplementari.

Non è una novità in senso assoluto. Chi è abituato a usare distribuzioni Linux sorriderà per questo, ma certamente per Microsoft, dopo l'esperienza con Windows Server 2008, sarebbe un passo in avanti. Tentativi di rendere Windows meno complesso da gestire, peraltro, si sono già visti su Vista: una parte dei suoi componenti può essere aggiornata attraverso Windows Live Service (pensate a Photo Gallery). L'operazione su Windows 7 speriamo sia più radicale. Davvero, che passo in avanti sarebbe!

Mario De Ascentiis

Inserito il 21 di marzo 2008 in Windows 7
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Service Pack 1 non rilancerà Vista

Il tempo stringe. Il Service Pack 1 per Windows Vista è qui, Microsoft lavora alacremente alle tecnologie di virtualizzazione e spinge quindi verso l'adozione di Vista, su più fronti. Ma interessanti statistiche in Rete parlano di CIO che aspetteranno ancora, di utenti che la prima cosa che chiedono nei negozi è se potranno avere, anche nel 2008, un notebook con Windows Xp preinstallato, e di tecnici perplessi che si fidano poco anche di questo SP1 (che risolve alcuni problemi, ma non tutti) e quindi rimanderanno ancora la migrazione.
Questo è il quadro generale: io sono convinto che la percezione di Windows Vista presso il pubblico sia oramai quella di un sistema operativo che innova (ma non troppo), funziona (ma non come si vorrebbe), e nel complesso non offre i vantaggi tanto decantati, mentre potrà ancora riservare qualche sorpresa negativa. L'utente finale è "rassegnato" a tenerselo, ma lo vive aspettando qualcosa d'altro (e sperando che questo qualcosa arrivi prima possibile), o rimpiangendo Windows Xp. Service Pack 1, per farla breve, non riuscirà a far cambiare idea.

Mario De Ascentiis

Inserito il 17 di marzo 2008 in Windows Vista
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Con Kidaro, a tutta forza verso la virtualizzazione

Non si conosce il prezzo pagato da Microsoft per l'ultima delle sue acquisizioni, ma è facile invece intuire il peso strategico dell'acquisto dell'azienda israeliana Kidaro, specializzata nella virtualizzazione desktop. A Redmond devono avere un ruolino di marcia a tappe forzate, perché la forza di spinta in questo ambito sembra davvero elevata. La tecnologia di Kidaro sarà integrata in Desktop Optimization Pack for Software Assurance, in parole semplici dovrebbero essere semplificate per le imprese tutte quelle operazioni di deployment delle singole applicazioni sui desktop. Gli EDP indecisi sulla migrazione a Vista potrebbero a questo punto cambiare idea, perché questo è il sistema operativo Microsoft con meno problemi di compatibilità.
Dopo Calista Technologies quindi è la volta di Kidaro...aspettiamo la prossima mossa.

Inserito il 13 di marzo 2008 in Windows Server
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Un martedì molto tranquillo per Vista

E' il giorno del bollettino di sicurezza, ma per questo mese di Marzo Windows Vista pare poter dormire sonni tranquilli. I rischi sicurezza sono tutti per Office che fa registrare quattro vulnerabilità, classificate come Critiche, quindi di primo livello per gravità. Ma non è solo Office a soffrire perché il quarto bollettino riguarda gli Office Web Components, controlli COM (Component Object Model) che servono per la pubblicazione sul Web di documenti di vario tipo e coinvolgono quindi anche altre applicazioni.

Sono Critiche le vulnerabilità che consentono l'esecuzione di codice non autorizzato in modalità remota, e la propagazione di un worm senza azione alcuna da parte degli utenti. in questo bollettino di Marzo aggiornamenti previsti anche per Microsoft Update, Windows Update e Windows Update Services.

Inserito il 10 di marzo 2008 in Windows Vista
Permalink | Commenti (0) | TrackBack

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

VMware contro Hyper-V: non sempre vince il migliore

La storia insegna. Non sempre vince il migliore. L'esempio più immediato da richiamare alla memoria è quello di qualche anno fa nella guerra dei browser. Explorer non era meglio di Netscape, ma ha saputo sfruttare i punti deboli dell'avversario. E solo oggi si può riparlare di nuovo di lotta ad armi pari.
Nella sfida sull'insidioso terreno della virtualizzazione potrebbe ripetersi quanto è già accaduto. Da una parte VMware con un'esperienza senza eguali in questo ambito specifico (e ancora qualche vantaggio tecnologico) e dall'altra Microsoft abituata alla rincorsa quando capisce di dover recuperare terreno in un settore strategico. Microsoft sa condurre bene queste battaglie, in un modo o nell'altro: acquisizioni, investimenti senza limiti nello sviluppo, strategie ardite (ma spesso vincenti). Windows Server 2008 con Hyper-V potrebbe rappresentare il torchio ideale per frantumare la solidità di VMware.

Al CeBit 2008 ho incontrato Emmanuel Besluau un collega di Silicon.fr di grande esperienza, ci siamo confrontati su questo tema, trovandoci concordi...  Provate a farvi un quadro più chiaro della situazione aiutandovi con la nostra Analisi e poi... lasciamo parlare i fatti.

Mario De Ascentiis

Inserito il 7 di marzo 2008 in Windows Server
Permalink | Commenti (1) | TrackBack
Tag Technorati: , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post

Vista Capable o Ready? Se ne discute ancora

Sono passati più di due anni dalla comparsa dei bollini che indicavano quali computer sarebbero stati in grado di supportare Windows Vista (Vista Capable) e quali fossero quelli già pronti per una determinata versione dell'ultimo sistema operativo Microsoft (Vista Ready). Ma tra drastiche riduzioni di prezzi e service pack in arrivo... è ancora tempo di discussioni. E' la volta di Dell che ha messo i puntini sulle "i" riguardo le sue note a Redmond, prima del debutto di Vista sul mercato. Il New York Times riporta l'articolo completo. Una sorta di "ve lo avevamo detto". La notizia ha il suo peso, ma acquista ancora più importanza associata ai "chi va là" di Sinofsky, Senior Vice President di Windows, a Steve Ballmer. Sinofsky stesso riporta al suo CEO che alcuni ritardi avrebbero potuto incidere sul funzionamento di driver e periferiche. E' proprio vero: "la gatta frettolosa, ha generato i gattini ciechi", e quanti guai ancora vengono fuori a distanza di anni...

Inserito il 2 di marzo 2008 in Windows Vista
Permalink | Commenti (0) | TrackBack
Tag Technorati: , , , ,

Segnala a: Delicious | Digg | Reddit | Furl | Stumble Upon | Smarking | OKNOtizie | Segnalo | Yahoo! | Magnolia | Invia il post